Logo
Stampa questa pagina

Caro energia. Sale il prezzo di grano, pane e pasta ma gli agricoltori restano al palo

In evidenza Caro energia. Sale il prezzo di grano, pane e pasta ma gli agricoltori restano al palo
A causa del rincaro dei costi energetici e all'incremento del prezzo del grano, pane e pasta fanno registrare incrementi significativi del prezzo per il consumatore finale, con conseguenti margini più generosi per i produttori e la grande distribuzione. Una situazione che ha risvolti su scala internazionale, che si riflette anche a livello locale, dalla quale però gli agricoltori sardi non traggono alcun vantaggio. Di fatto, pur non godendo di alcun vantaggio significativo per l'incremento dei prezzi al consumatore finale, la categoria deve affrontare i continui aumenti dei costi delle semine, a seguito dei rincari - oltre il 50% - per il gasolio necessario alle lavorazioni dei terreni. Ma non solo, ad aumentare sono anche i costi dei mezzi agricoli, dei fitosanitari e dei fertilizzanti che, in qualche caso, arrivano anche a triplicare. In particolare, a soffrire maggiormente sono i cerealicoltori sardi che, in aggiunta, sono stati costretti a bloccare i lavori di semina a causa delle persistenti piogge degli ultimi due mesi. Insomma, una situazione insostenibile - come sottolineato da Coldiretti - che richiede un intervento immediato per impedire le speculazioni, unitamente a degli accordi di filiera che possano garantire un giusto equilibrio per tutti gli attori coinvolti.
Ultima modifica ilGiovedì, 13 Gennaio 2022 17:20
Il Punto Sociale è di proprietà di Novaetica.