Università Cagliari. Ingegneria, premio nazionale ItCold al sardo Matteo Arricca

Matteo Arricca (classe ’91) ha vinto il premio nazionale ItCold bandito dal Comitato italiano grandi dighe. L’ingegnere cagliaritano è stato premiato a Roma il 12 dicembre scorso per la tesi sulla diga di Mosul (“Geotechnical numerical model and Cosmo-SkyMed/Sentinel-1 interferometric analysis applied to the Mosul dam, Iraq”). Matteo Arricca si è laureato in Ingegneria civile lo scorso settembre discutendo la tesi che ha colto l’apprezzamento della giuria. Il lavoro di ricerca è stato curato dai relatori Maria Cristina Porcu, Fabio Soccodato (docenti dell’Università di Cagliari) e Pietro Milillo (ricercatore del Nasa Jet propulsion laboratory, CalTec Los Angeles, Stati Uniti). Fresco di laurea triennale conseguita alla facoltà di Ingegneria e architettura dell’ateneo di Cagliari, Matteo Arrica ha partecipato alla quinta edizione del Premio nazionale Itcold riservato alle tesi sull’ingegneria delle dighe. A pari merito i colleghi Riccardo Donatelli (La Sapienza, Roma) e Greta Sbragia (Università di Pisa). Ai vincitori un premio in denaro di 1.250 euro. La tesi di laurea di Matteo Arricca è stata sviluppata nell’ambito di una collaborazione internazionale tra la professoressa Porcu (docente di Dinamica delle strutture e ingegneria sismica) e Pietro Milillo, ricercatore al Nasa Jpl del California institute of technology di Los Angeles. Grazie alla proficua collaborazione che ha permesso di avvicinare ancor più la facoltà dell’ateneo a uno dei principali e più accreditati centri al mondo, l’ingegner Arricca ha svolto tre mesi di tirocinio Jpl con una borsa di studio Globus Placement dell’ateneo di Cagliari. “Al Jet propulsion laboratory, Matteo ha imparato ad acquisire ed analizzare i dati rilevati dalle costellazioni satellitari con il software Sarproz. Alcuni dei dati satellitari registrati per un periodo di tre anni su centinaia di punti sulla diga di Mosul - spiega la professoressa Porcu - sono stati poi utilizzati per validare un modello numerico della diga predisposto con il programma alle differenze finite Flac, nel quale viene simulato il fenomeno di dissoluzione degli strati di gesso e rocce solubili in fondazione. Il fenomeno continua ad avvenire nonostante sia rallentato dalle continue iniezioni di cemento (jet grouting) effettuate dalla Compagnia italiana Trevi che cura la manutenzione della diga per conto del governo iracheno. L'obiettivo finale del modello numerico è ricostruire la dinamica del fenomeno di subsidenza osservato da satellite per il monitoraggio dello stato di salute dell'opera”. I risultati del lavoro svolto sulla diga di Mosul saranno oggetto di una pubblicazione su una rivista internazionale nel 2019. Con Matteo Arricca anche Christian Sarritzu e Milena Scano hanno trascorso tre mesi al Jpl nel 2017. I neoingegneri laureatisi all’Università di Cagliari hanno vinto la borsa Globus Placement. Sarritzu ha sviluppato una tesi sul tema delle dighe e si è laureato con i professori Porcu, Soccodato e Milillo. Milena Scano ha presentato una tesi sull’utilizzo delle reti neurali per l’analisi di dati satellitari su aree urbane con, oltre ai relatori Porcu e Milillo, Augusto Montisci (Università di Cagliari).

Università Cagliari. CyberChallenge 2019, parte la sfida nazionale riservata alle nuove generazioni

Sono aperte fino al 20 gennaio le iscrizioni alla terza edizione di CyberChallnge.IT 2019. Il primo programma italiano di addestramento alla cybersecurity è riservato a giovani di talento tra i 16 e i 23 anni, frequentanti le scuole superiori e le università. La partecipazione è gratuita. Il progetto nasce all’interno del Laboratorio nazionale di cyberSecurity del Cini (Consorzio interuniversitario nazionale informatica) ed è supportato dal Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica (presidenza Consiglio dei ministri). Cyberchallenge.IT è una sfida per scovare ed eliminare le vulnerabilità del software attraverso un programma di addestramento che si svolgerà in diciassette sedi universitarie italiane. Anche l’ateneo di Cagliari sarà sede di addestramento nei laboratori Lidia della facoltà di Ingegneria e architettura. Il programma - prevista la partecipazione di docenti e ricercatori del Diee (Dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica) e del Dipartimento di matematica e informatica - viene coordinato da Giorgio Giacinto e Davide Maiorca. La partecipazione dell’Università del capoluogo al progetto è un ulteriore tassello nella creazione sul territorio di opportunità formative nella cybersecurity. Il settore è in continua evoluzione e richiede competenze utili in vari ambiti produttivi, dalle imprese agli studi professionali, la pubblica amministrazione, le forze dell’ordine, gli istituti di credito e finanziari. Il programma è suddiviso in diverse fasi. Fino al 20 gennaio 2019 sarà possibile iscriversi on-line. Dal 23 al 25 gennaio si svolgerà un pre-test online che selezionerà i partecipanti al test di ammissione che si svolgerà il 1° febbraio nei laboratori Lidia. I giovani selezionati parteciperanno alle sessioni di addestramento che si tengono da marzo a maggio. Il 6 giugno si terrà con la prova di qualificazione, il giorno seguente sono previste le premiazioni. Inoltre, fra gli allievi ne verranno selezionati alcuni che prenderanno parte alla sfida nazionale il 27 giugno e alla cerimonia di premiazione che si svolgerà il 28 giugno. Per partecipare, oltre a un’età compresa tra 16 e 23 anni, è necessaria una conoscenza approfondita dei linguaggi C/C++, una buona conoscenza della lingua inglese e, come auspicano gli organizzatori, occorre curiosità, creatività e dinamicità. Per maggiori informazioni: https://cyberchallenge.it/venue/unica

Calcio. Serie A, beffa finale per il Cagliari. Il Napoli passa per 1 a 0

Sette minuti di recupero e la beffa finale con un tiro velenoso che ha consentito ai partenopei di passare sul campo dei rossoblù al 91° minuto. A segnare Milik su punizione. Finisce così 0 a 1 per gli uomini di Ancelotti, anche se il Cagliari non ha certo demeritato, tenendo testa alla seconda della classe, a tratti molto pericolosa, soprattutto nel primo tempo. Il Napoli è cresciuto nel secondo tempo, fino alla grandissima punizione di Milik.

Cagliari. Premio Francesco Alziator, cerimonia di chiusura

La cerimonia di chiusura della XIIa edizione del Premio letterario Francesco Alziator, intitolato alla memoria dello scrittore, giornalista e studioso cagliaritano, avrà luogo domenica 16 dicembre alle 18.00 presso il THotel di Cagliari. Evento letterario internazionale di grande prestigio, da quest'anno senza Nereide Rudas, fondatrice e presiedente della Fondazione Alziator che lo organizza, annovera tra i vincitori diverse personalità in varie categorie. Tra questi, per la categoria medicina e ricerca, Carlo Doria, direttore della Clinica Ortopedica dell'Università di Sassari e luminare della chirurgia e Giovanni Biggio, neuroscienziato e farmacologo di fama mondiale. Per il volontariato Suor Angela Niccoli e Alberto Borsetti, presidente regionale di Msp Italia, mentre nella categoria turismo sono l'Hotel Villa Fanny, di Lucina Cellino e la Sogaer ad aggiudicarsi l'ambito premio. Spazio anche all'imprenditoria, con Corrado Marini, titolare dell'Ottica 4 Eyes di Cagliari e il Gruppo Collu Abbigliamento e Abiti da Sposa. Marinella Staico e Patrizia Camba sono invece le stiliste premiate per la categoria moda. Per la sezione dedicata alla Sardegna e alle sue tradizioni il riconoscimento va all'Associazione Cuncordia a Launeddas e all'imprenditrice Milena Melis, impegnata nel settore della pastorizia. Nell'ambito della prevenzione sanitaria i premiati sono Angela Maria Silvestri, per il suo lavoro contro il carcinoma mammario e Giuseppe Masnata, per le campagne di sensibilizzazione dedicate alle malformazioni congenite e alla vaccinazione preventiva. Ambra Pintore e Riccardo Carta, docente di chitarra e promotore della cultura musicale tra giovanissimi e adolescenti è destinato il premio per la categoria musica. Nel campo del giornalismo un premio va Giulia Giornaliste Sardegna, l'associazione di professioniste e pubbliciste impegnate sui temi legati alle discriminazioni, ai pregiudizi e agli stereotipi nella rappresentazione dei media, mentre un secondo premio è stato attribuito a Cesare Corda, esempio di giornalismo libero. Premi anche nella ristorazione con Giorgio Borrelli, titolare del Caffè Valentina e vincitore del "Panino dell’Anno" e la trattoria Lillicu dei fratelli Zucca. A condurre la serata Valeria Aresti, avvocato, impegnata nel sociale.

Cagliari. Riapre il Mercato Civico di Santa Chiara

Riaperto oggi, venerdì 14 dicembre 2018, lo storico Mercato Civico di Santa Maria Chiara, più bello e accogliente di prima. Conclusi gli interventi nell’area centrale della struttura, dopo appena due mesi di lavori di restyling, l’attività riprende quindi regolarmente. E grazie alla realizzazione di un nuovo punto di ristoro – un’elegante isola grande una quarantina di metri in tutto - diventa “uno spazio-mercato dinamico e contemporaneo nel cuore del Centro storico di Cagliari”. Ne è convinto il sindaco Massimo Zedda. E citando l’esempio di alcune delle più importanti città europee, lo ha definito come “un luogo dove agroalimentare e gastronomia diventano occasione di incontro, scambio e convivio”. Ma anche “occasione di sviluppo e conoscenza della città”, in cui anche i turisti allontanandosi dalle attrazioni più famose, possono entrare in contatto con curiosi spaccati della vita quotidiana di Cagliari, la sua cultura e le sue usanze. A interessarsi del Mercato è stata in particolare l’assessora Marzia Cilloccu. “Questi lavori – ha spiegato la titolare delle Attività produttive e Turismo - non hanno inciso in alcun modo sulle casse comunali”. Con un bando pubblico, infatti, “il Comune ha affidato la gestione del nuovo punto di ristoro per 10 anni in cambio della sua stessa realizzazione. Il concessionario dovrà anche preservare la vocazione turistica della struttura attraverso l’utilizzo esclusivo di prodotti sardi”. “Il prossimo passo sarà quello di riqualificare l’area esterna”, ha annunciato il sindaco Zedda tra decine di cittadine e cittadini intervenuti alla cerimonia del taglio del nastro. Considerata la valenza storica, sono già stati interessati gli altri enti competenti.

Cagliari. Il “Concerto di Natale” alla chiesa cagliaritana di Sant'Agostino

La monumentale chiesa cagliaritana di Sant'Agostino, in via Baylle, nel cuore dello storico quartiere della Marina, sabato 15 dicembre alle 20 ospiterà il “Concerto di Natale”, prima rassegna corale organizzata dalla Scuola Civica di Musica di Cagliari. Quattro prestigiose formazioni corali della Sardegna (il Collegium Karalitanum di Cagliari, La Corale di Siurgus Donigala, VocinCanto di Quartu Sant'Elena e Inkantos D'Olìa) proporranno brani della tradizione musicale sarda, europea e americana, mentre il coro formato dai giovanissimi allievi del corso di Propedeutica musicale della Scuola Civica si esibirà in un canto della tradizione iberica. L'evento si inserisce nel percorso di valorizzazione delle formazioni corali avviato dalla Scuola Civica di Musica, in previsione dell'avvio di un laboratorio corale previsto dal prossimo mese di gennaio. Il programma del concerto: Piccolo Coro della Scuola Civica di Musica di Cagliari (direttore Ivana Busu): Nanita Nana (canto tradizionale spagnolo) Collegium Karalitanum (direttore Carmine Dell'Orfano): Kalanda foton – Anonimo (canto rad. Greco, arr. A. Mazza) Jubilate Deo – Manolo Da Rold Cantate Domino – Vytausas Miskins Duru duru – Antonio Sanna (Canto tradizionale) La Corale (direttore Felice Cassinelli): Carolo of the Bells – Mykola Leontovich Hark the Herald – (popolare) Oh, Holy Night – (tradizionale americano) Jesu- (popolare) VocinCanto (direttore Daniela D'Elia) Limu, limu, limu - (canto popolare svedese) O magnum mysterium – Tomàs Luis de Victoria Cantate Domino – Giuseppe Ottavio Pitoni Sicut Cervus – Giovanni Pierluigi da Palestrina Inkantos D'Olìa (direttore Boris Smocovich) Cand'es nadu Gesus' – canto tradizionale sardo (arm. Marco Crestani) Amazing Grace – canto tradizionale spiritual Carol of the bells- canto tradizionale natalizio (Mykola Leontovich) Angele Dei (Gabriel's oboe) – Ennio Morricone

Cagliari. Protocollo d'intesa tra Comune e Federazione Italiana Scherma

Firmato mercoledì 12 dicembre il secondo protocollo d'intesa tra Amministrazione Comunale e Federazione Nazionale della Scherma, con la quale Cagliari è ora city partner. Una collaborazione che va avanti da 2 anni e ha portato in città, per la prima volta, i campionati italiani cadette e cadetti e ora apre la strada ai campionati del mediterraneo di scherma. Il protocollo è stato siglato dal Sindaco Massimo Zedda e dal presidente nazionale della FIS, Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso, con l'obiettivo di porre le basi per la definizione e lo sviluppo di un rapporto di collaborazione reciproca. In questo senso la FIS si impegna ad organizzare a Cagliari eventi schermistici di rilievo nazionale e internazionale, mentre l'Amministrazione Comunale si impegna a mettere a disposizione per tali eventi gli impianti sportivi comunali ritenuti idonei, ed a partecipare alle attività di comunicazione e promozione degli eventi.

Cagliari. Sono 22 le postazioni dedicate a uso gratuito per gli artisti di strada

Nuove e più semplici le regole per gli artisti di strada che vogliono esibirsi a Cagliari. Approvate dalla Giunta nella seduta di venerdì 7 dicembre 2018, sono il risultato della sinergia fra l'Amministrazione comunale e da un gruppo di artisti di strada. “I loro spettacoli alimentano il circuito culturale – ha sottolineato il sindaco Massimo Zedda – e contribuiscono a migliorare la qualità della vita di cittadini e turisti rendendo più attrattiva la città”. Il regolamento è stato illustrato martedì 11 dicembre 2018, dall'assessore Paolo Frau. “Musicisti, clown, giocolieri, ma anche attori, mimi o statue viventi potranno esibirsi in 22 spazi a loro dedicati, delle dimensioni di due metri per due ognuno, dalla piazza Garibaldi sino al Parco della Vetreria di Pirri”, ha detto il titolare della Cultura. Ma seppure caratterizzati per essere inseriti in contesti particolarmente frequentati, “tutti questi spazi si trovano a una distanza congrua dagli ospedali, dalle scuole, dalle biblioteche e dai cimiteri”. Per le attività rumorose è perciò consentito l'utilizzo di piccoli impianti di amplificazione entro il limite dei 5 watt e nelle fasce orarie 10-13 e 17-21, fatta eccezione per quelle aree nelle quali ne è specificamente interdetto l'uso. Non vi sarà perciò alcuna interferenza con le attività commerciali intorno. “Per garantire una opportuna rotazione, ogni esibizione non potrà protrarsi per più di due ore”, ha concluso l'assessore Frau ricordando che in questa fase di sperimentazione, “gli artisti si autogestiranno nell'uso degli spazi, nei limiti di tempo e nelle fasce orarie stabilite, senza la necessità di accedere ad alcuna piattaforma di prenotazione”. “Se la richiesta aumenterà - ha dichiarato il sindaco Zedda - in futuro le postazioni per gli artisti di strada potrebbero ulteriormente aumentare, interessando, tra gli altri, anche luoghi come il lungomare, dal Poetto alla via Roma passando per Sant'Elia, grazie agli interventi di riqualificazione che il Comune sta portando avanti”.
Sottoscrivi questo feed RSS

14°C

Cagliari

Cloudy

Humidity: 74%

Wind: 25.75 km/h

  • 19 Dec 2018 13°C 5°C
  • 20 Dec 2018 14°C 9°C