Cagliari. L'Ateneo in disaccordo con il ministero per le asserite criticità delle scuole di specializzazione

In evidenza Cagliari. L'Ateneo in disaccordo con il ministero per le asserite criticità delle scuole di specializzazione
Le criticità sollevate dall'Osservatorio del ministero dell'Istruzione in merito all'operatività delle tre scuole di specializzazione dell'Ateneo cagliaritano (Nefrologia, Chirurgia Generale e Merdicina dello Sport), hanno suscitato la ferma reazione del rettore, Maria Del Zompo, che si prepara a sostenere le controdeduzioni del caso. Di fatto il rischio è quello della chiusura, con evidenti conseguenze per tutta la popolazione studentesca della Sardegna. Le nuove regole del ministero impongono il raddoppio del corpo docente per tutte le scuole di specializzazione, senza però tener conto di particolari situazioni, come quella tutta sarda, caratterizzata dalla vastità del territorio, dalla bassa densità abitativa e dai servizi di trasporto tutt'altro che adeguati. "Il nostro corpo docente - ha sottolineato Del Zompo - è congruo e numericamente adeguato". E per quanto riguarda le nuove regole, il rettore conferma la volontà degli Atenei di impegnarsi per rispondere ai requisiti stabiliti dal ministero "compatibilmente con la progressiva diminuzione delle risorse statali". Intanto si punta a guadagnare del tempo prezioso per l'adeguamento completo ai nuovi criteri. In questo senso viene fatto un appello al mondo politico sardo.
Ultima modifica ilGiovedì, 24 Agosto 2017 18:46

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cagliari