Banner Athlon

Comune di Cagliari. Bando per 58 unità di personale non dirigenziale a tempo determinato

Nella Gazzetta Ufficiale – 4^ Serie Speciale-Concorsi ed esami n.7 del prossimo 25 gennaio 2022 verrà pubblicato l'estratto del bando di concorso con il quale il Comune di Cagliari provvederà all'assunzione, a tempo determinato e pieno, di complessive 58 nuove figure professionali da impiegare in attività connesse al Pon Metro 2014-2020 e finanziate con le risorse del React-EU, per la riqualificazione del territorio e la gestione dei progetti per la ripresa economica verde, digitale e resiliente del Paese. In particolare i profili ricercati, aperti a laureati e diplomati sono i seguenti:

• n.9 Project Manager;

• n. 3 Legal Manager;

• n.1 Communication Officier;

• n.1 Esperto Politiche Sociali;

• n.13 Istruttori Direttivi Amministrativi;

• n. 9 Istruttori Direttivi di Ragioneria;

• n.6 Istruttori Direttivi Tecnici-Ingegneri;

• n.2 Istruttori Direttici Informatici-Analisti;

• n.14 Istruttori Amministrativi Contabili.

In piena conformità con la riforma dei concorsi pubblici, il bando prevede la valutazione dei titoli per la preselezione dei candidati e la prova scritta si terrà in termini temporali ravvicinati. La versione integrale del bando di concorso potrà essere consultata sul sito istituzionale dell'Amministrazione dove verrà pubblicata a partire dal 25 gennaio 2022 insieme al fac simile di istanza on line.

Cagliari. “Albero di Natale in comune” nel cortile del Municipio

Un grande albero piazzato nel Cortile d’Onore del Municipio di via Roma 145, già dai prossimi giorni da decorare ciascuno con un proprio addobbo, “un nastro colorato, una semplice palla, un disegno, una lettera con i suggerimenti per una città migliore, un piccolo oggetto da appendere sui rami”. E magari lasciare un pensiero per le persone più in difficoltà. Solidale e presente, il Comune di Cagliari sposa così lo spirito di questo Natale 2019. “Festa delle tradizioni e dei valori cristiani, calda, sentita, amata da tutti. La nascita del Bambin Gesù è la Festa della famiglia e in particolare dei più piccoli. Quest’anno, dopo tanto tempo, l’Amministrazione ha deciso di celebrarlo facendo un albero nel cortile interno di Palazzo Bacaredda. Un “Albero di Natale in comune”, che sia davvero di tutti e per tutti”. Questo il messaggio lanciato ai cittadini stamattina dal sindaco Paolo Truzzu alla conferenza stampa convocata per l’occasione al Municipio, ma anche l’incipit della lettera che ha inviato ai dirigenti delle scuole cagliaritane e agli insegnanti. Fatto proprio anche dall’assessore Rita Dedola, l’invito è dunque quello di unirsi tutti all’Amministrazione e partecipare numerosi a questa importante iniziativa in un’ottica di prossimità, reciprocità. “Perché sia davvero un Natale in comune, un Natale comunitario e solidale”. All’incontro con i giornalisti di questo sabato 7 dicembre 2019, anche il vicesindaco Giorgio Angius, l’assessore dei Lavori pubblici, Gabriella Deidda, e l’assessore Alessandro Sorgia. “Questo di Palazzo Bacaredda, dopo quelli di piazza Garibaldi e piazza Costituzione, è il terzo Albero di Natale istallato in città”, ha ricordato il titolare delle Attività produttive, Turismo e promozione del territorio, rimarcando la sinergia con gli operatori commerciali e annunciando che “i lavori di montaggio delle luminarie saranno completati entro una settimana”. Tutte, tranne quelle nel viale Sant’Avendrace, che invece dovrà aspettare un poco di più perché nei prossimi giorni sarà interessato dal passaggio di un convoglio “trasporto eccezionale”. Oltre all’”Albero di Natale in comune”, quest’anno il Municipio ospiterà anche un presepe. “All’ingresso – ha anticipato il sindaco Truzzu – in modo che sia un punto di riferimento per tutta la città. E non soltanto. Anche per visitatori e turisti che si trovano a passare davanti al Palazzo Civico”. Insieme alle tante luminarie “contribuirà alla magia del Natale”.

Cagliari. Visita in Municipio per conoscere il funzionamento degli organi istituzionali

Una trentina tra ragazzi e ragazze dell'associazione culturale "Farmacia Politica" questa mattina hanno visitato il Municipio di Cagliari per conoscere il funzionamento degli organi istituzionali. Dall’elezione, alle prerogative del Consiglio comunale, della Giunta e delle commissioni consiliari. Sino alla separazione dell’indirizzo politico, in capo alle forze di maggioranza e opposizione e che siedono fra i banchi dell’Aula di Palazzo Bacaredda, dall’attività di gestione amministrativa di cui sono responsabili gli uffici del Comune. A fare da cicerone, Edoardo Tocco, presidente del Consiglio Comunale di Cagliari, che ha spiegato i meccanismi istituzionali e ha risposto alle domande della folta rappresentanza. Insomma “un’occasione di interazione fra giovani e politica, che troppo spesso sentono lontana da loro”, ha rimarcato Fabio Vitiello presidente di ”Farmacia Politica”. Inoltre, quella di oggi (lunedì 2 dicembre 2019) “è stata anche una giornata utile anche per apprezzare i tesori architettonici e artistici del Municipio”. All’incontro hanno partecipato anche i consiglieri Stefania Loi, Alessandro Balletto e Guido Portoghese.

Cagliari. Al Municipio amministratori provenienti da Francia, Polonia, Croazia Spagna e Portogallo

Conoscenza e approfondimento delle modalità possibili di valorizzazione del patrimonio culturale locale, per lo sviluppo delle attività turistiche e in modo specifico del turismo sostenibile. Sul modello realizzato da Monumenti Aperti, la manifestazione nata a Cagliari nel 1997 e organizzata dalla onlus Imago Mundi con il sostegno del Comune, che coinvolge oltre 20 mila fra studenti di tutte le età e volontari che diventano “ciceroni” dei propri territori e degli oltre 800 monumenti, interessando ormai più di 70 amministrazioni. Questo l’obiettivo di una dozzina di amministratori pubblici provenienti da Francia, Polonia, Croazia Spagna e Portogallo che questa mattina (martedì 22 ottobre 2019), hanno visitato il Municipio di Cagliari. Ad accoglierli gli assessori Paola Piroddi e Rita Dedola. “Per l’Amministrazione comunale - ha spiegato Paola Piroddi, titolare della Cultura – Monumenti Aperti rappresenta un fiore all’occhiello perché contribuisce a portare all’attenzione della cittadinanza il proprio patrimonio culturale. Ma grazie alla collaborazione con le scuole e il mondo del volontariato, la manifestazione favorisce ogni anno, l’apertura della città anche rispetto a visitatori e turisti, realizzando positive ricadute di carattere sociale e occasioni di sviluppo. Come l’incontro di oggi che da modo di capire e condividere esperienze per migliorare la fruizione del patrimonio culturale da parte di cittadine, cittadini e turisti”. Dello stesso avviso anche l’assessore della Pubblica istruzione, Politiche universitarie e del diritto allo studio, Politiche giovanili e pari opportunità, Rita Dedola. “L’idea di Monumenti Aperti di coinvolgere in maniera diretta gli studenti – ha sottolineato – assolve a una duplice funzione: far scoprire il patrimonio culturale a tutti e sviluppare, sopratutto fra i giovani, coscienza e autocoscienza sulla necessità di vcustodirlo e valorizzarlo”. A Cagliari dallo scorso 18 ottobre, la delegazione internazionale oltre ai luoghi più suggestivi del Capoluogo di Sardegna e visitato Barumini e Nora, sotto la guida degli esperti di Imago Mundi e del suo presidente, Fabrizio Frongia. Dello IED, Institute of European Democrats di Bruxelles, la raccolta delle adesioni degli amministratori pubblici stranieri.

Quartu Sant'Elena. In attesa di chiamata occupano l'aula consiliare del Municipio

I protagonisti della particolare forma di protesta sono i 30 lavoratori che si occupano della cura del verde pubblico cittadino. Infatti, nonostante le assicurazioni ricevute, sono ancora inoccupati e senza stipendio. Per il momento il servizio è assicurato da circa dieci operatori. Il Comune, da parte sua, ha già comunicato ai manifestanti che la situazione dovrebbe sbloccarsi a breve. La questione si trascina dalla scorsa estate, in coincidenza con la conclusione del precedente appalto. Nonostante il Comune avesse trovato dei fondi per consentire la ripresa delle attività già dallo scorso 1° ottobre, tra un rinvio e l'altro, si è giunti ad oggi, ancora senza fatti concreti.
Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module