"La Bottarga delle Lagune di Cabras", é quersto il nome dell'evento organizzato dal Centro Servizi Promozionali per le Imprese della Camera di Commercio di Cagliari e Oristano e finanziato dalla Regione, che avrà luogo martedì 22 novembre, dalle 11, alla Peschiera 'Mar'e Pontis'.

Il vice Sindaco di Cagliari, Giorgio Angius, ha ricevuto questa mattina, presso il Municipio, il Comandante del Cacciatorpediniere “Caio Duilio”, Capitano di Vascello Davide Da Pozzo.

L’Unità navale, impegnata nel Tirreno per una esercitazione congiunta con i colleghi della Marina francese, ha attraccato al porto di Cagliari dove resterà ormeggiata fino a domani.

L’occasione ha permesso al Comandante di fare visita in Municipio per rendere omaggio all’Amministrazione Comunale.

Imponente la figura del Cacciatorpediniere che con i suoi oltre centocinquanta metri di lunghezza e i quasi duecento uomini di equipaggio, ha incuriosito i cagliaritani.

Quarta nave della Marina Militare Italiana a prendere il nome del Console Romano dimostratosi particolarmente abile nella battaglia sul mare tanto da escogitare il sistema del rostro e del corvo, la “Caio Duilio” è un concentrato di tecnologia italo-francese ed è particolarmente adatta alla difesa da possibili attacchi aerei. Dotata di un radar potentissimo che è capace di coprire un raggio di circa quattrocento chilometri, la nave intercetta aerei o missili nemici, con la possibilità di abbatterli in caso di minaccia. Questo la rende particolarmente utile nelle attività di scorta per navi o flotte importanti, in modo da garantire la massima protezione da possibili attacchi aerei durante la navigazione.

L’incontro tra Giorgio Angius e Davide Da Pozzo ha permesso ai due rappresentanti delle Istituzioni di confermare la collaborazione reciproca oltre che di affrontare i temi di più stretta attualità.

Nell'ambito dell'attività istituzionale di controllo dei parchi, il personale della stazione di Uta del Corpo forestale ha scoperto che un fabbricato in fase di ristrutturazione, con realizzazione di nuovi volumi, nel Parco naturale regionale di Gutturu Mannu non aveva le prescritte autorizzazioni paesaggistiche, forestali e dell'Ente Parco. Perciò, si è proceduto, su ordine del Tribunale di Cagliari, al sequestro dell'immobile e alla denuncia del proprietario, del progettista e del direttore dei lavori per violazione al Codice dei Beni culturali.