La riorganizzazione dell’emergenza proposta dall'Areus non incontra i favori degli operatori del 118.

In particolare, le organizzazioni del Terzo Settore, impegnate nel servizio 118 di emergenza e urgenza, attaccano le due delibere proposte dall'assessore regionale alla Sanità ,Carlo Doria che, secondo le stesse organizzazioni, rivoluzionano le basi del servizio 118, senza tener conto del parere degli Enti del Terzo Settore.

Nell'occhio del ciclone la delibera n. 4/59, che rivede il piano territoriale e le risorse operative attuali, con chiusura di postazioni  e apertura di nuove, senza peraltro tenere in considerazione le realtà territoriali impegnate a vario titolo nell'erogazione del servizio 118.

Sotto attacco anche la delibera n. 9, art. 49, comma 3, che introduce nuovi criteri del testo della convenzione che regolamenta il servizio di base svolto dagli Enti del Terzo Settore, senza il loro coinvolgimento. 

Una totale assenza di collaborazione che agita gli operatori del 118, evidentemente contrari anche alla decisione di riduzione dei rimborsi, prevista dfal piano di riorganizzazione dell'emergenza.

Le più lette