Tra le ultime delibere approvate dalla Giunta Regionale, anche quelle riguardanti il miglioramento della funzionalità dei Consorzi di Bonifica e il supporto agli allevatori, singoli o riuniti in associazioni.

In particolare, si tratta – per la prima volta in assoluto – dell’erogazione del 100% dei contributi ai Consorzi di Bonifica nell’esercizio 2024. Uno stanziamento di 32milioni di euro, oneri a totale carico pubblico, con lo scopo principale di finanziare gli interventi di manutenzione degli impianti di bonifica e coprire i costi di funzionamento degli stessi, oltre a contribuire alle spese per l’energia elettrica sostenute dagli stessi nelle annualità 2023 e 2024.

Gli allevatori ovini o bovini, singoli o riuniti in associazioni - regolarmente iscritti nel registro delle imprese della Camera di Commercio, Industria e Artigianato e all’Anagrafe regionale delle imprese agricole - possono accedere agli aiuti.

La soglia minima degli aiuti agli allevatori ovini che intendono acquistare soggetti maschi riproduttori ovini (razza nera di Arbus e pecora di razza sarda) è di 20 capi femmine (nera di Arbus) e di 40 capi femmine (razza sarda). L’importo del contributo è pari al 40% della spesa ammissibile e arriva al 50% per i giovani agricoltori e beneficiari i cui allevamenti siano localizzati nelle zone montane e svantaggiate. Per i giovani agricoltori che acquistano da allevamenti sardi il contributo è elevato al 75%. Invece, per gli aiuti agli allevatori bovini che intendono acquistare soggetti riproduttori bovini maschi e femmine - età non superiore ai 5 anni -, la scelta deve ricadere sulle razze Charolaise, Limousine, Piemontese, Chianina, Marchigiana, Pezzata rossa (linea carne), Sarda, Sardo-Modicana, Sardo-Bruna, Blonde D’Aquitaine, Aberdeen-Angus. La soglia minima per accedere agli aiuti è di 5 UBA (Unità di Bestiame Adulto) calcolati sui capi bovini di qualunque categoria. Non sarà applicata nessuna soglia per i giovani agricoltori che si insediano in qualità di unico capo azienda, assumendo per la prima volta la responsabilità civile e fiscale della gestione aziendale. Per i giovani agricoltori che acquistano da allevamenti sardi si arriva al 75% del contributo.

Sarà compito di Laore Sardegna, l'Agenzia Regionale per l'attuazione dei programmi regionali in campo agricolo e per lo sviluppo rurale, predisporre i bandi e ed erogherà gli aiuti sino a concorrenza della capienza per ciascuna annualità contabile.

 

Le più lette