Ennesima centrale eolica proposta dalla società milanese Ecowind 6 s.r.l. nell’agro alle falde meridionali del massiccio dei Sette Fratelli, nei territori comunali di Maracalagonis, Sinnai, Selargius, Quartucciu, Settimo San Pietro.

A denunciarlo è il Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG), che ha inoltrato un atto di intervento nell’ambito del procedimento di valutazione d’impatto ambientale, relativo alla realizzazione del progetto. 

In aprticolare, il progetto della centrale eolica prevede 17 aerogeneratori con un’altezza massima complessiva superiore a 200 metri, per una potenza nominale massima pari a 122,4 MW, poi linee elettriche di collegamento alla rete elettrica nazionale, viabilità, una stazione di trasformazione (150/33 kV), una nuova stazione elettrica RTN (150 kV), sbancamenti, cavidotti in zone ricche di corsi d’acqua, boschi e macchia mediterranea.

Considerando il potenziale impatto ambientale dell'installazione, il GrIG ha chiesto al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica di esprimere formale diniego alla compatibilità ambientale degli impianti industriali in progetto e ha informato, per opportuna conoscenza, il Ministero della Cultura, la Regione autonoma della Sardegna, le Soprintendenze speciale per il PNRR e per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, i Comuni di Maracalagonis, Sinnai, Settimo San Pietro, Selargius e Quartucciu.