Domus de Maria. A Chia un chiosco impedisce la fruizione pubblica del demanio marittimo

In evidenza Domus de Maria. A Chia un chiosco impedisce la fruizione pubblica del demanio marittimo
A denunciarlo è l'Associazione Gruppo di Intervento Giuridico Onlus (GriG). Come ricorda la stessa associazione, "la fascia dei 5 metri dalla battigia marina dev’essere libera per consentire il transito di tutti – italiani e stranieri – che vogliano beneficiare della spiaggia, così come le dune e una fascia di almeno 5 metri dalla loro base dev’essere libera e non deve far parte di concessioni demaniali per salvaguardare un ambiente naturale unico e straordinario". Prescrizioni dettate dalle normative vigenti che sulla spiaggia di Chia – Su Giudeu, pare non vengano rispettate da un chiosco per servizi balneari. Installata recentemente, la struttura i questione fa quasi da muro per i bagnanti, alla faccia della fruizione pubblica del demanio marittimo - come sottolinea l'associazione ecologista - a due passi dal mare, alla base delle dune. Per questo motivo è stata inoltrata (6 luglio 2019) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione di provvedimenti per verificare la legittimità o meno del posizionamento del chiosco. Coinvolti i Ministeri dell’ambiente e dei beni e attività culturali, la Regione autonoma della Sardegna, il Comune di Domus de Maria, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, la Guardia costiera.
Ultima modifica ilSabato, 06 Luglio 2019 20:31

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module