Banner Athlon

Iglesias. Circo denunciato per maltrattamento di animali

l'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente scende in campo e presenta una denuncia per maltrattamento di animali. Alla base della denuncia le varie segnalazioni, da parte di cittadini indignati, sul trattamento di un elefante, costretto a passare la notte all'interno di un container. L'associazione, che considera di una violenza inaudita il trattamento riservato all'animale da parte del Circo, si domanda se i veterinari della Asl hanno mai effettuato dei controlli e, soprattutto, perché non sono mai stati rilevati i maltrattamenti. Tale situazione ha portato l'associazione e i cittadini a chiedere al primo cittadino di vietare i circhi a Iglesias. Lo stesso sindaco é stato inoltre criticato da alcuni esponenti politici regionali per non aver vigilato sul rispetto delle condizioni di permanenza degli animali.

Iglesias. Perché sono stati tagliati i Pini del giardino della Scuola elementare Via Tenente Cacciarru?

"I pini stavano causando diverse problematiche alle vicine strutture della scuola, sia sul piano fondale che di copertura, così come lamentato più volte, con diverse segnalazioni, dalla stessa scuola, dai genitori degli alunni e dai sopralluoghi effettuati dai competenti uffici tecnici comunali. In particolare si ricorda l’ultima trasmessa per posta elettronica ordinaria da un nonno di due bambini con cui si chiede di intervenire con urgenza” E' quanto comunicava Il Comune di Iglesias – Settore tecnico-manutentivo – Ufficio Ambiente, in risposta all'istanza di accesso civico e informazioni ambientali avanzata dall'associazione ecologista Gruppo di Intervento Giuridico Onlus (GriG), finalizzata a conoscere le motivazioni del taglio dei Pini che dimoravano nel giardino della Scuola Elementare di via Tenente Cacciarru. Una risposta che non soddisfa pienamente l'associazione ecologista che ha dovuto constatare il taglio di tutti i Pini da parte della società in house, "Iglesias Servizi"a seguito della “rottura e conseguente caduta a terra di una branca principale, con trascinamento di parte del tronco, di un pino, probabilmente a causa delle avverse condizioni metereologiche gravanti sul territorio comunale”.

"Dalla risposta del Comune di Iglesias - fa notare infatti l'associazione - non emerge alcun accertamento tecnico-scientifico svolto da personale professionalmente abilitato (es. agronomo, tecnico forestale, ecc.) sulla reale pericolosità e rischio di crollo di tutti gli alberi (solo uno si era spezzato), né l’analisi metodologica Visual Tree Assesment, tantomeno una tomografia ultrasonica tri-dimensionale, metodologia decisamente più puntuale. In parole povere - attacca il GriG - sembra che a decidere la sorte di quei diversi esemplari di Pinus, che inghiottivano anidride carbonica e donavano ossigeno in un luogo sensibile quale una scuola, siano stati le segnalazioni da parte dell’Istituto, di alcuni genitori degli alunni fra cui, “in particolare”, quella di “un nonno di due bambini”, e dei sopralluoghi di non meglio specificati tecnici comunali".

A confortare parzialmente l'associazione, l’assicurazione che sia “in corso di definizione … la messa a dimora di nuove piantumazioni presso il plesso scolastico, sicuramente adatte al contesto”, come precisato dal Comune di Iglesias. Ora l'auspicio del GriG é che "si tratti di alberi ad alto fusto e non di una siepe di Alloro, senza nulla togliere all'Alloro, che può crescere fino a 10 metri in altezza".

"Tanto si parla di cambiamenti climatici, di incendi distruttivi di boschi, di incrementi del verde pubblico cittadino - conclude l'associazione - e poi non emerge dalle politiche comunali sul verde pubblico la necessaria cura e attenzione verso alberi e alberature".

Sanità. Chiusura CTO Iglesias ipotesi senza fondamento

A dichiararlo é l'assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu che ha voluto sottolineare: "le notizie sull'imminente chiusura dell'ospedale Cto sono prive di qualunque fondamento". L'intervento di Nieddu arriva a seguito delle voci circolate negli ultimi giorni sul presidio di Iglesias.

"La carenza di specialisti pesa nel Sulcis come sul resto dell'Isola, ma anche qui siamo al lavoro per mettere in campo ogni soluzione necessaria a garantire i servizi", ha precisato l'esponente della Giunta Regionale, che nei giorni scorsi ha incontrato il commissario della Assl.

"La chiusura del Cto - ha dichiarato l'assessore - sarebbe gravissima ed è un'ipotesi che non è mai stata presa nemmeno lontanamente in considerazione".

E sulle criticità, Nieddu ci tiene a evidenziare: "oggi, al Cto, le maggiori sofferenze si registrano nella Radiologia e nella Chirurgia. Per ciò che riguarda la prima il commissario dell'Assl ci ha informato che una soluzione tampone è già stata attivata attraverso le prestazioni aggiuntive e non si esclude l'arrivo di rinforzi da altri presidi, mentre per rafforzare l'organico della Chirurgia si stanno prendendo in considerazione diverse ipotesi e nei prossimi giorni riunirò nuovamente i vertici dell'Assl e dell'Ats per fare il punto. Se da un lato il numero di specialisti in campo restituisce uno scenario in cui la coperta è corta, dall'altro portiamo avanti ogni sforzo organizzativo necessario a garantire il diritto all'assistenza e alle cure dei cittadini".

Iglesias. Arrestati con oltre 1,2 chili di droga e 9 mila euro in contanti

E' quanto accaduto a due giovani, un 26 enne e una 21 enne, durante un blitz antidroga degli agenti del Commissariato di Iglesias. In particolare, i due mentre percorrevano via Vivaldi a bordo di un'auto, si sono imbattuti in una pattuglia della Polizia e hanno cercato di allontanarsi di gran fretta. Purtroppo per loro, gli agenti sono riusciti a bloccarli in via Silesu. A seguire é stata effettuata una perquisizione dell'auto e delle abitazioni dei due. Perquisizione che ha consentito il recupero di oltre 1,2 chili di marijuana, 10 grammi di hascisc e quasi 9.300 euro in contanti. Proventi che sarebbero stati guadagnati con lo spaccio di droga. I due sono stati arrestati e saranno processati per direttissima.

Iglesias. Open Day per le vaccinazioni senza obbligo di prenotazione

Domenica 29 agosto la città di Iglesias organizza un open day dedicato ai cittadini iglesienti, senza obbligo di prenotazione. Ad annunciarlo é il primo cittadino, Mauro Usai, insieme al responsabile della campagna di vaccinazione iglesiente, Giuseppe Ottaviani. L'occasione é stata utile anche per passare in rassegna lo stato di avanzamento della campagna vaccinale. Ad oggi il centro minerario - come sottolineato dal sindaco Usai, si assesta al 4° posto, tra i comuni del Sulcis Iglesiente, con il 76% di vaccinati tra le persone a cui è possibile somministrare le dosi. Un dato importante e prossimo alla fatidica soglia dell'80%, necessaria per raggiungere l'immunità di gregge. L'organizzazione dell'Open Day, dovrebbe dare uno stimolo ulteriore per il raggiungimento del traguardo, anche in vista della riaperture delle scuole.

Sulcis. Scoperta evasione fiscale per oltre 676 mila euro

Nonostante il particolare periodo caratterizzato dall'emergenza sanitaria, continua l’attività della Guardia di Finanza, volta ad individuare gli illeciti che minano seriamente l’integrità e l’equilibrio dei mercati e del sistema tributario, con conseguenze negative per i cittadini onesti. In questo senso, nelle ultime settimane, i Finanzieri della Tenenza di Iglesias hanno concluso numerosi interventi fiscali tanto nella cittadina sede del Reparto quanto nel territorio ricadente nella sua circoscrizione di servizio (Gonnesa, S. Anna Arresi, Carloforte, Carbonia) constatando, complessivamente, oltre 676.000 euro di ricavi non dichiarati al Fisco ed un’IVA per complessivi 10.178 euro. Le attività attenzionate operano in diversi settori commerciali quali quello pubblicitario, i servizi di onoranze funebri, il comparto alimentare e l’edilizia Caratteristica comune a tutte le circostanze oggetto d’ispezione, è stata la qualifica di evasore totale dei verificati, i quali, per diverse annualità, non hanno presentato al Fisco le dovute dichiarazioni dei redditi, anomalia resa ancora più particolare dal fatto che gli stessi risultavano pienamente attivi nel proprio campo professionale di competenza con la realizzazione di specifici volumi di affari ed il sostenimento di costi di esercizio. L'individuazione dei soggetti attenzionati é il frutto di una selezione conseguente all'applicazione del collaudato sistema di incrocio delle risultanze della quotidiana attività di controllo del territorio con i dati e le informazioni agli atti dei Reparti e le evidenze emerse dalle interrogazioni alle banche dati in uso alle Fiamme Gialle.

Iglesias. Vaccinazione anti Covid-19 per operatori sanitari

È partito questa mattina alle 9, a Iglesias, e proseguirà nella giornata di domani, il programma per la somministrazione del vaccino anti Covid-19 Pfizer-BioNtech a 1.080 operatori sanitari. Per la prima volta, all’avvio della campagna, è stata scelta per l’esecuzione dei vaccini una struttura non sanitaria, il cinema di via Cavalier San Filippo. Impegnati venti operatori, per un programma che prevede 80 somministrazioni l’ora. All’interno del Cinema gli spazi sono stati organizzati con un’ampia area d’accettazione, una sala di vaccinazione e percorsi definiti. Garantita l’attività in sicurezza con la presenza fissa di un’ambulanza medicalizzata, un rianimatore e un infermiere.

Addio a Roberto Frongia, gentiluomo della politica sarda

Purtroppo non ce l'ha fatta. Ha combattuto con coraggio, senza perdere la lucidità, portando a compimento il suo impegno per la gestione della cosa pubblica, fino alla fine. Roberto Frongia, avvocato, assessore regionale dei Lavori Pubblici, ma soprattutto una brava persona, si è spento dopo una breve malattia. Vero e proprio gentiluomo della politica sarda - come lo ha definito il presidente della Giunta Regionale, Christian Solinas - apprezzato da tutti gli schieramenti politici, Roberto era una persona mite, onesta, mai sopra le righe, capace di dialogare con tutti, sempre in maniera costruttiva. Oggi il Consiglio Regionale si è fermato per ricordarlo. Nel posto che lui abitualmente occupava, una rosa rossa. Aveva cominciato la sua carriera politica nel 1993, nella sua città: Iglesias. Già assessore regionale del Turismo, Artigianato e Commercio, è stato uno degli esponenti più prestigiosi del suo movimento politico, i Riformatori sardi fino a diventarne Presidente, dal luglio 2016. Cuore e anima delle battaglie storiche dei Riformatori sardi, da quella per le accise fino al riconoscimento dell’insularità in Costituzione, che lo porterà nel giro di pochissimo tempo a diventare Presidente del Comitato per il riconoscimento dell’insularità in Costituzione.
Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module