Si intitola “Insulari: i demiurghi del Mediterraneo" la mostra ospitata a Cambridge nelle sale del The Fitzwilliam Museum, che vede protagonisti ben 93 pezzi del Museo Archeologico cittadino.

L'evento, a cura di Anastasia Christophilopoulou, conferma l'importanza del Museo Archeologico di Cagliari, istituzione con sempre più visitatori e autorevolezza sotto il profilo dell’azione culturale. 

Soddisfazione é stata espressa dal primo cittadino, Paolo Truzzu, che si è complimentato con il direttore dell'Archeologico, Francesco Muscolino e con la componente del cda, l’archeologa Maria Antonietta Mongiu.

“Sono molto orgoglioso - ha dichiarato Truzzu - il lavoro di questi anni ha rilanciato il Museo Archeologico in termini di considerazione globale e di visitatori, insieme alle numerose iniziative che ne hanno dato una dimensione più aperta e inedita”.

Truzzu ha poi ricordato l’Accordo di Programma tra l’Amministrazione e l’istituzione museale, firmato recentemente.

“Vogliamo proseguire e rafforzare l’intesa, lavorando in maniera sistematica alla riscoperta dell’identità e della storia cagliaritana, una cultura stratificata, ricca di sorprese e incroci ancora da analizzare. Siamo molto interessati a discutere di progetti strategici come il Piano particolareggiato del Centro Storico e a collaborare con iniziative volte alla diffusione delle conoscenze storiche e archeologiche di Cagliari e dell’Isola”.

Le più lette