Logo
Stampa questa pagina

“The Secret Island – A Sardinian Journey”, la cultura diventa un gioco con un viaggio alla scoperta dell'isola

In evidenza “The Secret Island – A Sardinian Journey”, la cultura diventa un gioco con un viaggio alla scoperta dell'isola
Si è svolta questa mattina alle ore 11.00 sulla piattaforma Zoom – in diretta da La Fabbrica delle Gazzose di Mogoro - la conferenza stampa di presentazione di “The Secret Island – A Sardinian Journey”, la nuova “avventura grafica” per smartphone e tablet iOS e Android che permette di “viaggiare” attraverso i musei e i siti archeologici dell'Isola - nell'ambito del progetto “Memory Wefts” promosso dall'ATI TRAMAS e finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna (POR FESR Sardegna 2014-2020). “The Secret Island – A Sardinian Journey” consente un viaggio alla scoperta dell'Isola attraverso l'esplorazione di siti archeologici e musei , grazie all'utilizzo della tecnologia. Un itinerario pensato in forma di “gioco” dove la protagonista, Daniela, per ritrovare la nonna Felicita affronta una serie di incontri e di “prove”, partendo da Mamoiada, passando per Ottana e la Chiesa di San Nicola, poi Cabras con i “Giganti” di Mont'e Prama, l’Area archeologica di Cuccurada a Mogoro e il Nuraghe Losa di Abbasanta, il Pozzo Sacro di Santa Cristina a Paulilatino e infine la Necropoli di Anghelu Ruju ad Alghero. Il percorso dell'eroina nel cuore della Sardegna disegna una mappa di alcuni luoghi significativi, densi di memoria e di storia, tra vestigia d'età nuragica e prenuragica – dalle torri di pietra simbolo di una antica civiltà alle Domus de Janas, alle architetture legate al culto delle acque: il volto nascosto dell'Isola, con i suoi “tesori” e il “mistero” di popoli e culture con i loro riti e i loro saperi, i suoni arcani di una lingua tramandati nei secoli, scolpiti nel paesaggio e nelle “radici” della toponomastica. “The Secret Island – A Sardinian Journey” diventa così la “chiave” per accedere a una Sardegna meno conosciuta, oltre la bellezza delle coste, di spiagge incantate, di acque cristalline tra il profumo del lentisco e i colori della macchia mediterranea: un invito ad “avventurarsi” in un viaggio nel tempo, tra i monumenti e i reperti del passato e i miti e le leggende dell'immaginario popolare. Tra le figure emblematiche – accanto alle sculture dei “Giganti” - anche sa Filonzana” e sos Mamuthones, appartenenti al folklore e alla tradizione del “Carnevale” barbaricino. L'iniziativa - con concept e soggetto di Lara Melis e Ismaele Marongiu, che firmano anche la sceneggiatura insieme con Andrea Assorgia (artefice del Game Design) e con il contributo prezioso degli “sviluppatori” Marco Bianchi, Giacomo Donato e lo stesso Andrea Assorgia – è il frutto di un lavoro di squadra, con il coinvolgimento di Noemi Lepori (Background lineart), Manuela Galletta (Background painting & props) anche production manager dell'avventura grafica, Stefano Puddu (Character design & animazioni), oltre che della Game Maker Academy, mentre le musiche sono di Mebitek. Progettato per smartphone e tablet iOS e Android, “The Secret Island – A Sardinian Journey” da oggi é disponibile in rete e punta a incuriosire e attrarre in particolare le giovani generazioni, cresciute nell'era digitale abituate a confrontarsi quotidianamente e interagire con strumenti informatici, proponendo in forma ludica contenuti legati alla cultura e alla storia, e in particolare al ricco patrimonio archeologico dell'Isola. Il percorso è costellato di link, come delle “porte” attraverso cui è possibile compiere una visita “virtuale” in siti e musei: un modo ulteriore per avvicinarsi alla conoscenza di antiche civiltà, scoprire la cultura materiale, le abitudini, l'abilità di costruttori e artisti, come dei riti apotropaici che segnano il risveglio della natura – con le inquietanti e evocative “maschere” ispirate al ciclo delle stagioni e al tempo della vita, legate mondo agropastorale. La cultura diventa un “gioco” da ragazzi, con la possibilità di divertirsi e vivere insieme a Daniela le emozioni di un avventuroso viaggio in Sardegna, e con lei soffermarsi ad ammirare l'architettura romanica di San Nicola o esplorare le Domus de Janas, passeggiare tra i nuraghi o interrogarsi sul significato dei “Giganti” e volendo “dialogare” o meglio “interfacciarsi” sui social media con Insopportabile (esperto e influencer della rete). . “The Secret Island – A Sardinian Journey” é inserito nel progetto “Memory Wefts”, promosso dall'ATI TRAMAS, formato dalle compagnie Teatro Tragodia e L'Effimero Meraviglioso e dalla Ditta Luigi Spano Service e realizzato in collaborazione con Fainas.

Video

Ultima modifica ilSabato, 25 Settembre 2021 17:58
Il Punto Sociale è di proprietà di Novaetica.