Banner Athlon

Impresa. In arrivo 60 milioni di euro per favorire attività economiche nei Comuni sotto i 3mila abitanti

La Regione interviene con altri 60 milioni di euro nel triennio per favorire le attività economiche nei Comuni sotto i 3mila abitanti, risorse che si aggiungono ai 45 milioni destinati sempre per le tre annualità all’acquisto e la ristrutturazione delle prime case. Le risorse programmate solo con le due misure di ripopolamento dei territori raggiungono quindi quota 105 milioni di euro. La Giunta regionale nel corso dell’ultima seduta ha approvato gli indirizzi operativi relativi appunto alle disposizioni in materia di contrasto allo spopolamento che riguardano le attività economiche: ogni nuova attività aperta e ogni trasferimento di attività nel territorio dei Comuni con una popolazione inferiore ai 3.000 abitanti riceverà un contributo a fondo perduto pari a 15mila euro, che diventano 20mila qualora si incrementi l’occupazione. Con il provvedimento è stata approvata la dotazione finanziaria che per l’annualità in corso ammonta a 20 milioni di euro, cui si aggiungeranno altri 20 milioni nel 2023 e altrettanti nel 2024 e individuato quale soggetto gestore ed erogatore il sistema delle Camere di Commercio della Sardegna. Non solo: a questa misura si aggancia quella di accompagnamento delle imprese (comprese le nuove) che prevede, dal prossimo anno, un contributo nella forma del credito d'imposta fino al 40% delle imposte versate, con il fine di sgravare le attività economiche dagli elevati costi dell'imposizione fiscale. Obiettivo: favorire l’apertura di nuove attività imprenditoriali (o il trasferimento delle aziende) nel territorio dei piccoli comuni e continuare ad accompagnare le attività di quelle nate da un anno (o già esistenti nel territorio) nel loro percorso. La misura rappresenta uno degli strumenti messi in campo dalla Regione per contrastare lo spopolamento in Sardegna, a cui si aggiunge anche il bonus nascita introdotto con l’ultima Manovra e finalizzato a incidere sul fronte demografico. Nello specifico della misura in favore delle attività economiche, alla fine del 2022 è prevista una valutazione per verificare dove si sono localizzate le nuove attività ed eventualmente attivare strumenti di perequazione fra i diversi territori della Sardegna (in modo da non lasciare indietro nessuno). L’istruttoria e l’erogazione del contributo è affidata al sistema delle Camere di Commercio che possono verificare l’apertura delle partite IVA o il trasferimento d’azienda in tempo reale e, conseguentemente, erogare il contributo.

Coronavirus. Aggiornamento del 1° luglio: 2.569 nuovi positivi, nessun decesso

Il mese di luglio si apre con 2.569 ulteriori casi confermati di positività al Covid-19. Un dato riconducibile ai 7.690 tamponi totali effettuati. Non si registrano decessi, ma aumenta lievemente il numero di pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva, ad oggi 11. Cala invece di una unità, a 127 totali, il numero di persone ricoverate in area medica. Niente di nuovo sul fronte degli isolamenti domiciliari che aumentano di 1.504 unità e raggiungono quota 26.831.

Cagliari. Architettura: sessione di chiusura del Seminario di Villard 23

Sì è aperta oggi la sessione di chiusura del Seminario di Villard 23, uno dei principali laboratori internazionali di Architettura, animato da decine di docenti e studenti provenienti da 18 diverse università, da Mendrisio a Milano, da Parigi a Venezia. In accordo con il Comune di Cagliari il tema di studio di quest'anno è stato il fronte Ovest della città. Presente il vicesindaco e assessore Giorgio Angius.

"Abbiamo ritenuto di voler chiedere agli studenti del Seminario di Villard 23 idee per lo sviluppo sostenibile dell'area urbana intorno alla Laguna di Santa Gilla, per la molteplicità di aspetti da valorizzare, dalla pesca allo sport, dalla cultura al tempo libero", ha riferito il rappresentate dell'Amministrazione Civica, titolare della pianificazione strategica, sviluppo urbanistico e verde pubblico.

Questo pomeriggio i lavori sono proseguiti con Massimiliano Falferri, responsabile Villard 23, Joao Ferreira Nunes, e il suo “Paesaggio e persone”, e Jean Michel Landecy, con “Composer avec le paysage”. Nella giornata di venerdì 1° luglio, saranno invece presentati i lavori degli studenti, esposti al Ghetto degli Ebrei, con ingresso libero. Mentre per la mattinata di sabato 2 luglio, sempre nel centro d'arte e cultura di via Santa Croce 18, sono previsti gli interventi di Marco Cadinu, con “L'acqua, la storia, la forma della città. Il Caso Cagliari”, e Samanta Bartocci, Rosa manca e Laura Pujia, con “Itinerario per la città”. Alle 13 chiusura del seminario.

Cagliari. Siglato il Protocollo d'intesa “INPS per tutti”

Con un Protocollo di intesa che si snoda lungo i suoi undici articoli, oggi il Comune di Cagliari, l'INPS, l'Arcidiocesi di Cagliari – Caritas e il Comitato di Cagliari della Croce Rossa Italiana hanno dato il via ad un rapporto di collaborazione per rendere più semplice a tutti l'accesso ai benefici e alle prerogative dell'istituto di previdenza. In particolare il documento “INPS per tutti” è stato sottoscritto nella Sala del Retablo del Palazzo Civico di via Roma, dal Sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, dal Direttore regionale dell'INPS, Alessandro Tombolini, dal Direttore della Caritas, Marco Lai e dalla Presidente del Comitato di Cagliari della Croce Rossa Italiana, Fernanda Loche.

“Se con questo protocollo – il commento del Sindaco Truzzu – riuscissimo ad aiutare anche solo una persona, sarebbe un grande risultato. Puntiamo ai soggetti che probabilmente non sanno di avere diritti ed opportunità e grazie agli altri soggetti che hanno aderito, possiamo dar loro una mano. Questo è un segnale importante del fatto che una città non dipende solo dalle amministrazioni ma dalla collaborazione di tutti”.

Ognuno per le sue competenze, i vari firmatari si sono impegnati a portare in maniera capillare in tutta la città, i diritti che anche i più deboli, i cittadini ai margini, hanno e possono far valere. Lo ha sostenuto in maniera forte anche il Presidente nazionale dell'INPS, Pasquale Tridico che, pur non avendo potuto essere presente alla conferenza stampa della firma del protocollo, ha partecipato in videoconferenza.

“Questo progetto ha un valore sociale molto elevato – la conferma di Pasquale Tridico – perché ci consente di raggiungere anche gli ultimi, quelli che non riescono ad accedere a prestazioni complesse. Sono soggetti ai qual mancano le informazioni per poter esprimere i loro diritti e saremo noi ad andare loro incontro grazie alle sinergie nate sul territorio. Non ci interessa un risultato quantitativamente elevato, ma vogliamo che le prestazioni arrivino, fossero anche pochi, a chi ne ha diritto e che altrimenti non avrebbe altri mezzi per ottenerle”.

Oltre ai firmatari del Protocollo, hanno partecipato all'incontro con la stampa, il Presidente del Consiglio Comunale, Edoardo Tocco, le Presidenti delle Commissioni Pari Opportunità e Politiche Sociali, Stefania Loi e Antonella Scarfò e l'Assessora alle Politiche Sociali, Viviana Lantini.

“Quanto fatto con questo esempio di rete virtuosa – ha commentato l'Assessora Lantini – andrebbe fatto tutti i giorni perché solo tutti insieme si possono cercare delle soluzioni. E questo può essere fatto in tanti altri settori. Le persone ai margini della società si trovano lontane dal conoscere i loro diritti e non ne beneficiano. Questo Protocollo vuole arrivare a loro, prima di tutto ascoltandole e poi facendo in modo che chi ha dei diritti, possa esercitarli”.

A parlare a nome dell'INPS è stato anche il Direttore regionale, Alessandro Tombolini. “Innovazione non significa solo avere nuove tecnologie, ma comportamenti diversi, sinergie, che portano solo ottimi frutti. Dobbiamo pensare che non tutti conoscano e sappiano esprimere i propri diritti. Eliminiamo il gap culturale per chi non ha dimestichezza con un modulo o con una sede INPS”. A chiudere gli interventi prima della sottoscrizione del documento, sono stati Fernanda Loche e Don Marco Lai. “Lo scopo di questo Protocollo è dare alla persone più ai margini, quelle senza dimora, la possibilità di usufruire di bonus dei quali non sono a conoscenza” il pensiero della Presidente della CRI – Cagliari alla quale ha fatto eco il Direttore della Caritas. “Dobbiamo essere come delle antenne di ascolto per poi intercettare quei soggetti che magari rischiano di stare fuori e vivere ancora di più nella marginalità e nella sofferenza. Stiamo costruendo comunità in una città ideale e INPS per tutti credo sia un passaggio fondamentale per l'accesso ai diritti e alle opportunità a favore anche dei più deboli”.

Cagliari. Presentazione del giro della Sardegna a nuoto

Parte il 1° luglio da Marina Piccola l'impresa di Corrado Sorrentino, protagonista del “Giro della Sardegna a Nuoto”. Una sfida da 700 km per l'oncoematologia pediatrica del Microcitemico di Cagliari. L'iniziativa che punta a sensibilizzare le persone verso temi importanti, vedrà il pluricampione impegnato in un percorso di circa 700 chilometri in 59 tappe da 12mila metri ciascuna. In pratica, il “Giro di Sardegna a nuoto”, dovrà raccogliere fondi per l'associazione Amelia Sorrentino ODV, che darà gambe al progetto per dotare di monitoraggio multiparametrico il reparto di oncoematologia pediatrica al Microcitemico di Cagliari. Di oggi la presentazione dell'evento patrocinato dal Comune alla MEM. A fare gli onori di casa è stato l'assessore Andrea Floris: "si tratta di un progetto. Rende orgogliosi tutti per la valenza sportiva e sociale”, ha ribadito il rappresentante della Giunta Truzzu titolare dello Sport. Il “Giro” partirà dunque il’ 1° luglio 2022 da Marina Piccola. Scortato da un’imbarcazione d’appoggio con a bordo personale medico, alle 9 del mattino Corrado Sorrentino farà le prime bracciate, direzione verso Terra Mala, la tappa n. 1 di 59. Il 2 luglio raggiungerà invece Solanas. E poi, un giorno dopo l'altro: Porto Giunco-Villasimius (3/7), Sant'Elmo (4/6), Cala Sa Figu (5/7), Porto Corallo (6/7), Isola di Quirra (7/7), Barisoni/Tertenia (8/7), Marina di Gairo/Capo S'Asta (9/7), Punta su Mastixi (10/7), Arbatax (11/7), Capo Monte Santu (12/7), Cala Sisine (13/7), Cala Gonone (14/7), Punta Nera (15/7), Canazellu (16/7), La Caletta/Siniscola (17/7),Budoni (18/7), Punta Sabbatino (19/7), Isola dei Topi/Tavolara (20/7), Capo Figari/Golfo Aranci (21/7), Punta Capaccia (22/7), Isola Porco (23/7), Isola Spargi (24/7), Porto Quadro (25/7), Vignola Mare (26/7), Costa Paradiso (27/7), Isola Rossa (28/7), Castelsardo (29/7), Sorso (30/7), Porto Torres (1/8), Punta Barbarossa/Asinara (2/8), Cala di Capotagliato (3/8), Punta de Lu Nibaru (4/8), Argentiera (5/8), Capo Caccia (6/8), Punta Poglina (7/8), Cala Ittiri (8/8), Bosa (9/8), Tre Foghe (10/8), Capo Mannu (11/8), Mal di Ventre (12/8), Capo San Marco (13/8), Capo Frasca (14/8), Marina di Arbus (15/8), Piscinas (16/8), Buggerru (17/8), Masua (18/8), Punta Niedda (19/8), Mazzaccara (20/8), Golfo di Palmas/Is Prunis (21/8), Porto Pino (22/8), Punta Levante (23/8), Capo Malfatano (24/8), Santa Margherita di Pula (25/8), Pula (26/8) e Sarroch-Capo Sant'Elia (27/8). Secondo il tabellino di marcia e meteo permettendo, Corrado concluderà la circumnavigazione della Sardegna il 28 agosto proprio a Cagliari, al porticciolo di Marina Piccola. “Altre iniziative animate dallo stesso spirito sono in programma per il futuro”, ha annunciato il campione. L’evento sarà accompagnato da un format quotidiano trasmesso dal portale Olimpia Azzurra. Gli aggiornamenti e le dirette saranno invece trasmesse sul portale Swimming Channel, nelle pagine Facebook Coach Corrado Sorrentino, Corrado Sorrentino, Atlantide Ssd, che è partner dell’evento. Nonché sul magazine specializzato Swim4life.

Coronavirus. Aggiornamento del 27 giugno: 868 nuovi positivi, 2 decessi

In Sardegna si registrano oggi 868 ulteriori casi confermati di positività al Covid-19. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 1.480 tamponi. Si registrano 2 decessi: un uomo di 81 e una donna di 83 anni, residenti nella provincia di Oristano. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 7, dato invariato rispetto all'aggiornamento precedente. Aumenta a 125 il numero di pazienti ricoverati in area medica. Cresce ancora, a 20.852 il numero degli isolamenti domiciliari.

Sassari. Danza: Salvo Lombardo torna in città con “Let my body be!”

Il performer internazionale Salvo Lombardo ritorna a Sassari con un nuovo lavoro tersicoreo nella sua caratteristica impronta partecipativa e coinvolgente. Mercoledì 29 giugno alle 19, il Nuovo Spazio Estemporada di Sassari accoglierà nel calendario di Primavera a Teatro 2022 “Let my body be!”, una produzione della compagnia Chiasma pensata come un momento di riappropriazione collettiva dello spazio urbano, a partire dai corpi e dal loro muoversi e respirare insieme. Il percorso inizia nella Sala Estemporada per proseguire nel parcheggio dell’Eurospin di via Verona. La performance è studiata come una pratica urbana che a tratti ricorda un flash mob: protagonista è chiunque abbia voglia di scendere in pista. Attraverso una voce guida in cuffia, Lombardo fornirà al pubblico partecipante una serie di semplici indicazioni, orientandone il movimento dei corpi. In una prima fase, la performance sarà incentrata su una attivazione degli input in maniera autonoma, per poi condurre gradualmente, nel crescendo dell’esperienza, alla costruzione di un andamento corale e simultaneo. Nessun protagonista senza il pubblico, al quale è rivolta tutta l’attenzione dell’autore. Non è richiesta una specifica abilità in ambito corporeo e performativo, ma è consigliato l’utilizzo di un abbigliamento comodo. Il lavoro parte dal desiderio di riposizionare i corpi e il loro farsi presenza e “azione incarnata al centro della scena del mondo” e di ricominciare a pensare la corporeità come espressione del proprio diritto alla cittadinanza, del proprio desiderio di essere-sociale. Salvo Lombardo è un performer, coreografo, regista multimediale e direttore artistico del gruppo Chiasma di Roma. Tra le collaborazioni internazionali ha lavorato con il Théâtre National de Chaillot, Festival Oriente Occidente, Lavanderia a vapore, Fabbrica Europa, Romaeuropa Festival, Aura International Dance Festival, Attakkalari Dance Festival, Short Theatre, Teatro di Roma, Scenario Pubblico, ATER, Teatri di Vetro, Attraversamenti Multipli. L’evento è organizzato con il contributo del Ministero della Cultura, della Fondazione di Sardegna, della Regione Autonoma della Sardegna e del Comune di Sennori. Per info e prenotazioni possono essere contattati i seguenti numeri: 079281129 – 079236121.

Ambiente. Sardegna in linea con gli obiettivi del Green Deal Europeo per il 2021- 2027

La Sardegna è in linea con i nuovi obiettivi strategici sanciti dal Green Deal europeo che prevede una serie di misure per rendere più sostenibili e meno dannosi per l’ambiente la produzione di energia e lo stile di vita dei cittadini. Dopo un giudizio preliminare positivo sul Programma Regionale FESR 2021-2027, prosegue l’iter di analisi della Commissione europea. I servizi della Commissione hanno rilevato come le risorse mobilitate dalla Regione per azioni a contrasto degli effetti del cambiamento climatico siano ben superiori a quelle minime previste dai vincoli regolamentari. L’85% degli interventi previsti nella programmazione 21-27 è infatti già indirizzato verso gli obiettivi Green Deal 2030, che punta ad azzerare le emissioni di gas serra e spezzare il legame tra crescita e utilizzo delle risorse naturali per agganciare, al contrario, la crescita a piani di sviluppo sostenibile. Valutazione positiva è stata espressa anche per le misure a tutela della biodiversità.

“La questione ambientale, unitamente alla questione tecnologica e a quella demografica, rappresentano oggi il cuore del problema e la cornice entro al quale come Regione abbiamo inteso e intendiamo agire per costruire una strategia per il futuro - spiega il Presidente della Regione, Christian Solinas - la necessità di far fronte ai cambiamenti climatici, unita all’esigenza di tutelare i territori con azioni preventive di messa in sicurezza e con altre misure tese a preservare le risorse naturali e le ricchezze paesaggistiche della Sardegna non solo impongono di seguire linee di indirizzo precise, ma sono alla base della strategia di sviluppo messa in campo dalla Regione e apprezzata dall’Europa perché in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Sostenibilità ed equità sono proprio i pilastri su cui, secondo l’Assessore del Bilancio e della programmazione, Giuseppe Fasolino, sono costruiti i programmi di sviluppo della Sardegna e le iniziative che hanno caratterizzato atti e provvedimenti della Regione fin dall’avvio della Legislatura.

“Il Governo regionale – spiega l’Assessore - ha puntato in particolar modo sulla transizione verde e digitale e sulla competitività intelligente, con politiche tese ad assicurare una crescita economica inclusiva e un lavoro dignitoso per tutti, salvaguardando l'ambiente e la biodiversità. Queste strategie, declinate secondo ambiti tematici e tenendo conto delle specifiche esigenze territoriali, rivestono un ruolo cruciale per lo sviluppo futuro della nostra Isola e rappresentano il cuore della strategia di sviluppo messa in campo dalla Regione per consegnare alle future generazioni una Sardegna migliore”.

Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module